BANDI PER START-UP: TRE ERRORI DA EVITARE


Per le start-up (e non solo) i contributi nazionali e regionali messi a disposizione dai c.d. Fondi Strutturali e dai fondi Diretti Europei (ad es. il Programma Horizon 2020), rappresentano un’ottima opportunità. Tuttavia, lo strumento delle agevolazioni alle imprese va maneggiato con molta cura. Un interessante articolo pubblicato da Marina Azzolini su Startup Business ha messo in evidenza quali sono i principali errori da evitare quando si parla di agevolazioni.

Prima di tutto, sembra una banalità ma nell’esperienza di tutti i giorni diventa un elemento decisivo, è fondamentale una attenta lettura dell’avviso pubblico, della modulistica e di tutti gli allegati (Faq comprese). Spesso e volentieri, infatti, basta leggere attentamente i requisiti di accesso relativi ai “beneficiari” per rendersi conto che, purtroppo, non si rientra tra coloro i quali che possono fare richiesta di agevolazione. Quindi, 1) leggere BENE tutti i documenti del Bando.

Poi, è importante puntare sulla specializzazione. Questo perché il livello di attenzione richiesto dalla analisi di pre-fattibilità, dalla definizione del progetto e dalla compilazione ed invio della modulistica è davvero elevato. E, alle volte, basta un flag fuori posto per venire esclusi dal processo di valutazione di una agevolazione pubblica. Dunque, 2) farsi aiutare da un consulente che fa questo mestiere può essere una buona idea.

Altra cosa riguarda i c.d. finanziamenti a fondo perduto che, per quanto riguarda i Fondi strutturali, attirano -ovviamente- sempre tutti. Tuttavia, le modalità di funzionamento di questa agevolazione non sono sempre chiare con il risultato che alcune startup vincono contributi ma poi non riesco effettivamente ad utilizzarli. Infatti, non tutti i contributi a fondo perduto permettono di richiedere un anticipo parziale sulla cifra che è stata vinta a fronte di una fidejussione bancaria o assicurativa. Pertanto, 3) diventa importante valutare sempre con molta attenzione la liquidità della quale si potrà disporre per poter effettuare le spese che indicate in fase di presentazione della domanda.

Concludendo questa rapida carrellata di suggerimenti, l’articolo sottolinea che l’approccio al mondo della agevolazioni è un po’ come imparare una nuova lingua, in cui serve una comprensione delle regole basilari, tanta volontà e voglia di imparare. Facendo così, le soddisfazioni arrivano… sempre.

Quindi, che aspettate ad iniziare?

Fonte

RECENT POST